Spumante di sambuco

Ecco un’antica ricetta recentemente riscoperta. Viene definito anche lo “spumante dei poveri” visto che un tempo aveva questa funzione. A mio avviso è una bevanda molto interessante da utilizzare negli aperitivi, soprattutto estivi, visto che la raccolta dei fiori di sambuco avviene tra maggio e luglio.

di Tatiana Violeta Bulai e Marco Pingitore, del gruppo Facebook “Erbe aromatiche e spezie”, non sei ancora iscritto? Che cosa aspetti? Iscriviti qui

Ingredienti

10 -12 fiori di sambuco ( Anche secchi: proporzione 1 fiore fresco = 1 cucchiaio secco)
500 g zucchero
5 litri acqua
1-2 limoni
10 chicchi di riso e 5 g lievito secco
Mettete sul fuoco un litro d’acqua con lo zucchero e fatte sciogliere. Fatte raffreddare completamente, poi in un grande recipiente  mettete il resto degli ingredienti: acqua, il succo dei limoni e solo la buccia gialla, i fiori di sambuco ed i chicchi di riso e il lievito (servono per la fermentazione). Coprite il recipiente con un panno, ma non del tutto. deve poter respirare. Mescolate due volte al giorno per 5 giorni. Trascorso il tempo necessario, filtrate e poi mettete in bottoglie ben sigillate con tappo a corona facendo attenzione a non muovere troppo! Mettete in frigo oppure in dispensa. E buonissimo freddo.

 

Il testo di questa pagina è distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

 

Be the first to comment on "Spumante di sambuco"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*