Pasta al ragù

L’etimologia della parola ha le sue basi nel francese ragôut, sostantivo derivato da ragoûter, che significa “risvegliare l’appetito”. Originariamente indicava piatti di carne stufata con abbondante condimento che poi fu usato per accompagnare altre pietanze: in Italia, principalmente la pasta. Durante il periodo fascista, il regime tentò di “italianizzare” il termine, visto come non puramente italiano e quindi non consono al vocabolario fascista, trasformandolo in ragutto. In Italia il ragù più famoso è quello bolognese. Non ho usato le tradizionali tagliatelle per permette alla mia bambina di mangiare facilmente.

di Marco Pingitore, amministratore del gruppo Facebook “Erbe aromatiche e spezie”, non sei ancora iscritto? Che cosa aspetti? Iscriviti qui

Ingredienti (x due persone)

Pasta (200 g)

Vitella macinata (200 g)

Suino macinato (100 g)

Salsa di pomodoro (2 bicchieri)

Vino rosso (2 bicchieri)

Cipolla (½)

Carota (1)

Sedano (1 costa)

Olio extravergine d’oliva q.b.

Sale q.b.

Pepe nero q.b.

(concentrato di pomodori 2 cucchiai)

Preparazione

Lavate e tritate cipolla, sedano, carota, metteteli in una pentola con due cucchiai d’olio e fate cuocere a fuoco molto basso. Quando gli “odori” sono ammorbiditi aggiungere la carne. Aggiungetela gradualmente per non raffreddare troppo bruscamente la pentola. Quando la carne comincia a prendere colore versate il pomodoro. Nel frattempo mettete a cuocere in una pentola più piccola un po’ d’acqua che servirà ad allungare il composto, quando si asciuga, per non rischiare di farlo attaccare. Dopo mezz’ora di cottura aggiungete il vino rosso (eventualmente anche il concentrato di pomodoro) per dare sapore al sugo e regolate di sale. La durata della cottura varia a seconda dell’intensità del fuoco e dei gusti: io lo lascio cuocere un’ora e mezzo circa. A fine cottura aggiungete pepe e regolate nuovamente di sale, a seconda della quantità di acqua via via aggiunta. Nel frattempo cuocere la pasta. Quando questa è cotta unitela al sugo e servite caldo. Se volete spolverate di parmigiano.

Vino abbinato: Merlot, lo trovi qui

 

Be the first to comment on "Pasta al ragù"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*